Terapia di Coppia

La coppia è un’entità unica formata da due persone, in cui le rispettive individualità si uniscono per prendere una nuova forma, che è caratterizzata da dinamiche intrinseche specifiche per quella coppia, con logiche che si muovono spontaneamente in una sorta di equilibrio interno.

Spesso la coppia si rivolge ad uno psicoterapeuta in un momento di crisi o di cambiamento, in cui avverte il limite o il crollo dell’equilibrio sul quale poggiava, e una conseguente difficoltà o impossibilità nel mantenimento dei processi che un tempo avvenivano quasi automaticamente. La disfunzione all’interno del sistema della coppia può essere riconducibile ad eventi esterni e/o a cambiamenti interni. Di frequente ci si rivolge ad un terapeuta in caso di tradimento di uno dei due partner, evento che rompe violentemente gli equilibri interni e che necessita di elaborazione e attribuzione di senso rispetto ad un nuovo presente o futuro, sia che porti ad una separazione, sia che porti ad una nuova unione o ad un riconsolidamento del legame.

Quando la coppia entra in crisi?

Come si può superare una crisi di coppia?

Il terapeuta della Gestalt offre la sua professionalità per sostenere il processo evolutivo della coppia in difficoltà, attraverso la verbalizzazione dei vissuti personali, il miglioramento delle capacità di comunicazione reciproca e di comprensione dell’altro e l’esplicitazione delle intenzionalità di contatto vere e vissute, con l’obiettivo di fare incontrare nel setting terapeutico i vissuti relazionali dei pazienti in un’esperienza di contatto positiva, efficace e concreta. Questo qualora le intenzionalità di entrambi i partner fossero convergenti nel desiderio di mantenere il legame. Ma il lavoro di coppia può essere comunque un valido aiuto nella gestione di una separazione e dei vissuti che ne scaturiscono.

Con la tecnica della Gestalt vengono individuati e sciolti gli stili emotivi della coppia attraverso la valutazione dell’aggressività e della rabbia presenti, così come della passività, della frustrazione e della resistenza al cambiamento. Il lavoro prende in considerazione aspetti della vita della coppia sia a livello  dello spazio intimo che dello spazio sociale. Le sedute  agevolano la consapevolezza dei vissuti emotivi, intimi e profondi, la messa in discussione di alcune posizioni e l’espressione delle intenzionalità, alla presenza dell’ascolto attivo del terzo, il terapeuta,  che agevola i processi e l’ esame di realtà.

Il lavoro del terapeuta individua quali sono i meccanismi di contatto, chi li attua, quando e come, gli aspetti comunicativi corporei e non verbali, i giochi di potere, i vantaggi primari e secondari, il ruolo eventuale dei figli nella dinamica di coppia, l’attribuzione di responsabilità, il rispettivo imprinting della famiglia di origine, produzioni fantasmatiche consce ed inconsce che ognuno porta con sé e che agiscono nel setting. Valuta risorse interne ed esterne alla coppia stessa, come questa coppia è quando è insieme, e come è quando non è insieme, e infine accompagna e sostiene la coppia nell’individuazione  e nel raggiungimento dell’obiettivo finale del rimanere insieme o dello sciogliersi del legame.